Bio

Marco Papasidero nasce nel luglio del 1988 in Calabria. Fin dall’infanzia dimostra di essere affascinato dalle religioni − e in particolare dal cristianesimo −, dalle tradizioni e dalla spiritualità. Ancora ragazzino, inizia un proprio percorso basato sulla personale ricerca di Dio, che con il tempo lo porta a costruire un proprio modo di vivere la spiritualità, lontano dalle forme precostituite e nella libertà di pensiero e indagine. Questo interesse ben presto acquista vigore e maturità, diventando l’ambito di studio e ricerca al quale dedicarsi. Dopo il diploma di maturità al Liceo classico, si iscrive alla Facoltà di Lettere e filosofia, conseguendo la laurea triennale in Lettere moderne con una tesi in Letteratura latina medievale. Completa il ciclo di studi con la laurea magistrale in Civiltà letteraria dell’Italia medievale e moderna, con una tesi in Storia medievale, incentrata sull’analisi della figura del carmelitano siciliano sant’Alberto degli Abati. Nel frattempo, nel 2009 diventa giornalista pubblicista, e nello stesso anno inizia la direzione della testata giornalistica Tempovissuto da lui fondata, oltre a collaborare con alcune riviste e quotidiani. Tra il 2010 e il 2012 tiene corsi di formazione nell’ambito della correzione bozze, del giornalismo e della scrittura.

Nel marzo 2016 consegue, presso l’Università di Messina, il dottorato di ricerca in Storia delle forme culturali euro-mediterranee: studi storici, geografici, religiosi, linguistici e letterari, con una tesi di argomento agiografico e storico-religioso sul culto dei santi e le traslazioni di reliquie nel medioevo. Attualmente è Cultore della materia in Storia del cristianesimo presso l’Università di Messina, e in Storia delle religioni presso l’Università per stranieri di Reggio Calabria. Collabora in qualità di recensore con varie riviste scientifiche (Studi medievali, Rivista di Storia della Chiesa in Italia e Cristianesimo nella storia) ed è membro dell’AISSCA (Associazione Italiana per lo Studio della Santità, dei Culti e dell’Agiografia), della SISR (Società Italiana di Storia delle Religioni), della SISMED (Società Italiana di Storici Medievisti) e del CSSRV (Centro Studi Santa Rosa da Viterbo). Partecipa annualmente a convegni di ambito storico-religioso a carattere scientifico.
Le sue ricerche riguardano prevalentemente il culto dei santi, le reliquie, la taumaturgia e i miracoli, i testi agiografici, le mariofanie e l’antropologia religiosa. Alcune sue pubblicazioni/partecipazioni a convegni sono visionabili su Academia.edu.